Luftwaffe and Allied Air Forces Discussion Forum  

Go Back   Luftwaffe and Allied Air Forces Discussion Forum > Discussion > Luftwaffe and Axis Air Forces

Luftwaffe and Axis Air Forces Please use this forum to discuss the German Luftwaffe and the Air Forces of its Allies.

Reply
 
Thread Tools Display Modes
  #61  
Old 6th March 2017, 14:28
Paul Thompson Paul Thompson is offline
Senior Member
 
Join Date: Apr 2012
Posts: 421
Paul Thompson is on a distinguished road
Re: Did KG 26 hit the cruiser Molotov in 1942?

Quote:
Originally Posted by Andrey Kuznetsov View Post
According to the report, one He111 from II./KG26 (with bombs) was used as shadower, and 7 He111 as torpedo planes. So British radio intelligence had missed at least one aircraft (an in the Soviet after-action analysis it was missed too).

Torpedo hits weren't achieved "due to cruiser's skillful evasive manoeuvers". Bombing also hadn't visible results.

Lost 1T+JH fell in flames according to the report. So some German crew(s) saw the loss.
Hello Andrey,

I have been told that the quality of Selke copies may depend on the skill of the operator, which may account for some of the variability. Congratulations on finding the Tagesabschlussmeldung

Looking at the Bewegungsmeldung again, it distinguishes between the He 111 H-6 and He 111 H-6 LT fairly consistently. Given that 6./KG 26 was at Grosetto and probably was entirely equipped with the He 111 H-6 LT, it is reasonable to assume that the rest of II./KG 26 operated as a mixed level bomber and torpedo-bomber unit. It is noteworthy that the attack on the Molotov appears to mark the end of significant German torpedo-bomber operations in the Black Sea. Can you see in the documents whether II./KG 26 was ordered to change to a different tasking sometime in August? I am surprised that the Y-Service intercepted communications from almost all the German aircraft. Unless they had a secret listening post in Turkey, the nearest Y-Service installation could not have been closer than 1,000 kilometres away from the action. It is good that the Germans were using HF rather than VHF radios in their bombers!

The report of the attack is remarkably honest. It is overwhelmingly likely that an explosion of the torpedo warhead, with its 250 kg charge, and the consequent shearing off of the Molotov's stern, would have been noticed by the torpedo bomber crews. The shot down Heinkel may have been on fire and therefore easier to see, but it probably made less noise than the structural failure of the ship's stern. It is therefore highly probable that the Molotov was hit by a torpedo boat. It would indeed be interesting to see the time of the aircraft loss.

Warm regards,

Paul

Last edited by Paul Thompson; 6th March 2017 at 14:29. Reason: edited for clarity
Reply With Quote
  #62  
Old 6th March 2017, 15:02
Paul Thompson Paul Thompson is offline
Senior Member
 
Join Date: Apr 2012
Posts: 421
Paul Thompson is on a distinguished road
Re: Did KG 26 hit the cruiser Molotov in 1942?

Here is another fact, which may be of some relevance to this incident. The source is not clear, unfortunately. I got the quote in question from this forum post:
http://www.ww2incolor.com/forum/show...What-Were-they

If the information presented is factually correct, it is possible that the more reliable LT F5W torpedoes were not available in the Black Sea, since they came from Italian production. This is a speculative comment, since there is no evidence that any aircraft torpedo hit the Molotov in the first place, so the question of torpedo detonation should not be relevant.

"Aircrafts have been spaced about 200-300 meters apart, and both LT F5b (improved version) and Italian LT F5W torpedoes were used. The F5W was preferred as the F5b’s whisker-type detonating pistol seldom operated when the target was hit at an sharp angle. Torpedoes were launched at a range of 1000 meters, and usually from a height of 40 meters (125 feet), the parent aircraft flying dead straight and level in order for the weapon to enter the water at the stipulated 12 degrees. AA fire, particularly that of 20mm Oerlikon guns, was considered a greater threat than escorting RN fighters. Observation of torpedo-tracks or hits was next to impossible, as the parent aircraft had to execute violent evasive action as soon as the weapon was dropped"
Reply With Quote
  #63  
Old 10th March 2017, 01:06
Andrey Kuznetsov Andrey Kuznetsov is offline
Senior Member
 
Join Date: Jun 2005
Posts: 575
Andrey Kuznetsov is on a distinguished road
Re: Did KG 26 hit the cruiser Molotov in 1942?

Hello Paul,

Quote:
Originally Posted by Paul Thompson View Post
Can you see in the documents whether II./KG 26 was ordered to change to a different tasking sometime in August?
FlieFu Süd was disbanded 9.Aug.42. In Einsatzbefehl for 8.Aug II./KG26 was mentioned as usual. As far as I know, the unit was transferred to Italy in Sep.42.

Quote:
Originally Posted by Paul Thompson View Post
It is overwhelmingly likely that an explosion of the torpedo warhead, with its 250 kg charge, and the consequent shearing off of the Molotov's stern, would have been noticed by the torpedo bomber crews. The shot down Heinkel may have been on fire and therefore easier to see, but it probably made less noise than the structural failure of the ship's stern.
No, it was a surprisingly silent event. For example in the ship's control center it wasn't heard at all due to sounds of gun firing.

Quote:
Originally Posted by Paul Thompson View Post
It would indeed be interesting to see the time of the aircraft loss.
Maybe Matti Salonen can help with the exact time of loss of He111H-6 WNr 4816 ...

Warm regards,
Andrey

Last edited by Andrey Kuznetsov; 10th March 2017 at 01:09. Reason: typo
Reply With Quote
  #64  
Old 12th March 2018, 20:01
Mattesini Mattesini is offline
Junior Member
 
Join Date: Nov 2006
Posts: 9
Mattesini is on a distinguished road
Re: Did KG 26 hit the cruiser Molotov in 1942?

Dear Sirs. I apologize first of all to write in Italian, for my unreliable knowledge of English. In one of my recent essays, I dealt with the episode of the torpedo of the Soviet cruiser Molotov, which I report here integrated with new information.

However the Google translator works well enough.

Francesco Mattesini



https://www.academia.edu/36103050/LATTIVITA_NEL_MEDITERRANEO_MAR_ROSSO_E_MAR_NERO_DE GLI_AEROSILURANTI_TEDESCHI_DELLA_6_a_SQUADRIGLIA_D EL_2_GRUPPO_DEL_26_STORMO_BOMBARDAMENTO_6._KG.26_N EL_1941-1942


Il siluramento e danneggiamento dell’incrociatore moderno sovietico Molotov (capitano di vascello M.F. Romanov), avvenuto nella notte del 3 agosto 1942 presso le coste meridionali della Crimea.

La paternità del successo e stata attribuita a un He.111 della 6./KG.26 (capitano Gerd Schäfer) del Gruppo II./KG.26 (maggiore Horst Beyling), mentre invece, se successo vi fu, per le nostre ricerche dovrebbe essere assegnato ad un velivolo della ex squadriglia da bombardamento 4./KG.26 che, dopo essersi fusa con la 1./KG.28 nella primavera del 1942 aveva addestrato gli equipaggi alla Scuola Aerosiluranti di Grosseto, la 4./KG.26 era divenuta dapprima, in maggio, 2./KG.100 e poi, in luiglio, 7./KG.26.
Il velivolo He.111-H6 (1T+JH), che sembra avesse mantenuto la vecchia matricola n. 4816-1T della 1./KG.28, e aveva per pilota il tenente Hans-Georg Bacheim,[1] non rientrò alla base per convalidare il presunto successo perché, secondo le notizie russe, sarebbe stato abbattuto in fiamme dalle artiglierie del Molotov, che aveva un radar di scoperta aerea tipo Redut-K. Gli altri aerei che avevano attaccato l’incrociatore o che ancora si trovavano in volo nella zona non segnalarono nulla.[2]
Quasi alla stessa ora in cui avvenne il siluramento del Molotov, che stava per aprire il fuoco sulle posizioni tedesche di Fedosia assieme al cacciatorpediniere Kharkov (capitano di fregata Shevchenko),si verificò l’attacco di una unità insidiosa italiana.
In quel momento tre motoscafi siluranti della 4a Flottiglia, il Mas 573 (capitano di corvetta Castagnacci), il Mas 568 (tenente di vascello Emilio Legnani) e il Mas 569 (sottotenente di vascello Ferrari), partiti da Feodosia alle 19.00, si trovano in agguato al largo di quel porto, per la protezione indiretta di un convoglio di otto motozattere tedesche, scortato da moto dragamine da 100 tonnellate, diretto a Mariupol, nel Mare d’Azov, con materiali necessari alle operazioni dell’Esercito. Di essi il Mas 573, unità capo squadriglia, si era dovuto fermare al largo della costa per un guasto a un motore, mentre gli altri due, raggiunte al largo le posizioni prescritte, a circa 40 miglia di distanza dal porto di Feodosia, e iniziando l’ascolto idrofonico, erano distanziati l’uno dall’altro di 10 miglia. La visibilità notturna era perfetta, con la luna piena, apparsa alle 23.15 del 2 agosto, che illuminava tutto l’orizzonte a levante.
In tali condizioni favorevoli le navi sovietiche, che si avvicinavano alla costa per iniziare il bombardamento, furono individuate alle 01.15 del 3 agosto dal Mas 573, che nonostante il guasto al motore si era mantenuto a 10 miglia dalla costa e che andò all’attacco lanciando da una distanza di 1.200 metri due siluri, il primo dei quali “partito prematuramente per errore di un silurista”.[3] Risulta in un Forum sovietico che “alle 00.53 a sinistra dalla prora dell’incrociatoreMOLOTOVfu vista venire all’attacco una unità sottile.[4] E qui vi è una prima disparità di orario (22 minuti) che, come analizzeremo, sono importantissimi.
Il comandante Castagnacci, anche per affermazione di alcuni membri dell’equipaggio, ritenne di aver colpito un incrociatore con un siluro all’altezza del 3° fumaiolo (sic), ma in realtà falli il bersaglio. Dopo l’attacco all’unità nemica ritenuta del tipo “Krasny Krim”, il comandante Castagnacci, fatto trasmettere il segnale di avvistamento, si disimpegno alla massima velocità sostenibile, che era limitata per l’avaria al suo Mas, e erroneamente ritenne di essere stato inseguito per qualche tempo da un cacciatorpediniere.
Per sottrarsi alla minaccia d’attacco del Mas 573, il Molotov virò bruscamente a dritta alla massima velocità, evitando i siluri, e nello stesso tempo sparò con le sue armi leggere contro la piccola unità italiana.
Al momento on cui si verificò il siluramento del Molotov, secondo il Diario della Seekriegsleitung (SKL), sul cielo delle navi, a iniziare dalle ore 22.45, vi erano degli aerosiluranti che seguivano la formazione navale sovietica, la cui posizione, alle 23.51, fu segnalata a 10 miglia a Sud-Ovest di Capo Opuk con rotta 20°, ma senza darci altri particolari di un attacco aereo, che non è fornito neppure dalla documentazione della Luftwaffe, peraltro andata in gran parte distrutta alla fine della 1guerra.[5]
Secondo la versione del comandante, Romanov alle 01.19 un primo aerosilurante si avvicinò al traverso del Molotov, sul lato sinistro. Il comandante Romanov ordinò di virare a destra, e il siluro passo lungo il lato di dritta dell’incrociatore. Dopo cinque minuti, seguì un attacco simultaneo da parte di due aerosiluranti. Uno dei siluri lanciati si diresse verso il fianco destro dell'incrociatore, l'altro sul fianco sinistro con rotta 110°. A causa del monitoraggio, essendovi chiaro di luna, il secondo aereo è stato avvistato in ritardo. Da una distanza di 3 miglia e 600 metri i cannoni pesanti del "Molotov", hanno aperto il fuoco e l’incrociatore ha cominciato a manovrare sulla sinistra, fronteggiando sulla destra l’attacco dell’aerosilurante, che con angolo di 150° lanciò il siluro, che passò a poppa del “Molotov”. L’altro aereo lanciò il siluro passando sul lato sinistro dell’incrociatore, e alle 01,27 lo colpì a poppa sul fianco destro [sic]. Subito dopo l'aereo He 111 della 4./KG.26 (o 7./KG.26) fu abbattuto dal fuoco d’artiglieria della nave incrementato anche dal tiro delle mitragliere, e precipitò bruciando in mare per un periodo tra i tre e i cinque minuti. A quell’He.111, secondo Romanov, va il merito del siluramento del suo incrociatore.[6]
Ma questa versione del comandante del Molotov e contraria a quella di uno dei piloti della 6./KG.26, il tenente Rudi Schmidt, che il mattino del 3 agosto partecipò all’attacco alle navi sovietiche a circa 150 miglia a sud-est di Feodosia. Egli nel suo libro sull’attività del II./KG.26, di cui nel 1944-1945 fu l’ultimo comandante, sostiene che le navi sovietiche che si stavano allontanando dalle coste della Crimea erano state attaccate al mattino da dieci aerosiluranti He.111,[7] specificando che quello fu il primo e ultimo attacco della giornata contro la flotta rossa. E con ciò ha messo in dubbio che vi fosse stato un attacco notturno di altri aerosiluranti, come molti sono propensi a credere.[8]
Contemporaneamente all’attacco degli aerosiluranti tedeschi, vero o presunto, si era fatto sotto il Mas 568 del sottotenente di vascello Legnani che, ricevuto dalla stazione radiotelegrafica di Feodosia il segnale di scoperta “Unità nemiche bombardano la costa”, manovrando a tutta forza, con condizioni del mare forza 3, si era portato nella zona in cui le navi sovietiche avevano iniziato il bombardamento navale, arrivando a contatto con esse “alle 01.18 … in un punto a 3-4 miglia per S.E. dalla zona in cui era avvenuta l’azione del 573”, alle 00.15. Nel fragore d’artiglieria, il comandante Legnani ritenne di essere inquadrato dai grossi calibri delle navi nemiche, che non aveva ancora avvistato trovandosi “dal lato sfavorevole rispetto alla luna”, mentre, invece, il Molotov, che doveva essere impegnato dagli aerosiluranti tedeschi, percepita la nuova minaccia insidiosa, alle 01.30, secondo i discordanti orari russi, sparò sul Mas 568 con le mitragliere.[9]
Il tenente di vascello Legnani, manovrando ad alta velocità con il mare al moscone e con il suo Mas ricoperto di spuma per gli altri spruzzi del mare che lo investivano, si porto a prua delle navi sovietiche, per poi lanciare i suoi due siluri su un incrociatore di tipo imprecisato da una distanza di 800 metri, “mirando la zona a centro prua sulla sagoma nera della nave”,[10] e ritenne di averla colpita alle 01.30, a prora e al centro, con entrambe le armi. Nello stesso tempo accostò subito per sottrarsi nell’oscurità alla reazione nemica.
Ha scritto al riguardo il capitano di fregata Francesco Mimbelli:[11]

I due siluri lanciati a breve distanza hanno entrambi colpito l’unità maggiore che si è incendiata ed è esplosa violentemente dopo pochi minuti. L’esplosione è stata osservata distintamente anche dall’altro Mas [Mas 573], che nel frattempo era andato alla fonda sotto costa, [e] dagli armamenti delle batterie costiere germaniche e dalle stazioni di vedetta.

Quindi, soltanto dopo il lancio dei siluri del Mas 568 furono viste fiamme ed esplosione avvolgere il Molotov, che pertanto non poteva essere stato colpito nei precedenti minuti dell’attacco aereo. Né la violenta esplosione poteva essersi verificata, come qualcuno ha sostenuto, al momento in cui l’aereo tedesco era caduto in mare dopo essere stato colpito dalla contraerea del Molotov; anche perché il velivolo He.111 era stato abbattuto, secondo le dichiarazioni dell’ex comandante del Molotov, alle 01.27, ossia tre minuti prima dell’attacco del Mas 568. Ma a questo punto occorre considerare che l’orario trascritto sul Molotov non era esatto rispetto a quello dell’unità italiana, poiché discordante di ben tredici minuti al momento del primo avvistamento del medesimo Mas 568 da parte dell’incrociatore.
Inoltre, tra l’esplosione di un siluro sullo scafo di una nave, seguita da grande rumore, e la caduta di un aereo che, liberatosi dei siluri, poteva trasportare ormai come corpo infiammabile solo la rimanenza della benzina, vi è parecchia differenza. Ed è per questo motivo che se l’esplosione era dovuta al siluro dell’He.111 che aveva colpito lo scafo prodiero del Molotov asportandolo, quella violenta esplosione, seguita da incendio, sarebbe stata sicuramente vista alcuni minuti prima dai Mas italiani e dalle posizioni tedesche sulla costa.
Dopo l’attacco, il comandante Legnani, che fu leggermente colpito di striscio da una scheggia alla guancia sinistra senza che inizialmente se ne fosse accorto, ritenendo erroneamente di essere inseguito da un cacciatorpediniere si disimpegnò lanciando dieci bombe di profondità sulla scia della sua nave, regolate a spoletta zero per esplodere quasi in superficie con grave rischio per l’incolumità del Mas. E fu anche sottoposto a sgancio di bombe a mitragliamento aereo, senza riuscire a distinguere se si trattava di velivoli alleati o nemici. Nessuno dei due Mas attaccanti, è scritto nel rapporto della IV Flottiglia, subì “la minima avaria per effetto del tiro avversario, nonostante esso fosse ben diretto è molto nutrito”.[12]
Nel medesimo rapporto è anche riportato dal capitano di fregata Mimbelli quale era stata la valutazione dei comandanti dei due Mas, circa l’incrociatore che entrambi avevano attaccato:

In base a quanto era stato riferito dal Comandante del Mas 573, ho comunicato al Ministero ed alle autorità germaniche che ritenevo che l’unità affondata fosse l’incrociatore “Krasmy Krim”, che ha delle caratteristiche ben definite, che corrispondono perfettamente a quelle osservate dal Comandante in parola. (Il Comandante del 568 non ha avuto modo di poter individuare bene le caratteristiche dell’unità contro cui aveva lanciato) …”.
Dopo il lancio, anche il 568 – come l’altro MAS – è stato inseguito a lungo dal Cacciatorpediniere ed è stato oggetto, a quanto riferisce, anche al lancio di bombe da parte di aerei russi che lo illuminavano con dei bengala.

Da qui si deduce che soltanto il comandante del Mas 573, e non il tenente di vascello Legnani, aveva dichiarato di aver colpito e affondato un incrociatore del tipo “Krasmy Krim. E quindi non si può dare al comandante del Mas 568 la responsabilità di aver segnalato il siluramento di una nave dalle caratteristiche nettamente differenti a quelle del Molotov. Inoltre, elemento anch’esso importante, e il fatto che il Mas 568 era stato attaccato da aerei, che furono ritenuti sovietici dal comandante Legnani.[13] E’difficile il poter sostenere che aerei sovietici nel bombardare e mitragliare i Mas avrebbero lanciato bengala per illuminarli, perché ciò avrebbe significato far scoprire agli aerei tedeschi anche le proprie navi, che dovevano rimanere occultate, tanto che mantenevano un tassativo silenzio radio.E’ invece conosciuto che non vi era alcuna scorta notturna di aerei sul cielo delle navi sovietiche, poiché i primi quattro aerei da caccia arrivarono sulle navi soltanto dopo l’alba.[14]
A questo punto, poiché secondo i sovietici l’attacco dei presunti aerosiluranti e del Mas 568 fu contemporaneo, e che l’attacco al Mas era stato portato da bombardieri tedeschi, uno dei quali della 4./KG.26 (o nuova 7/KG.26) fu abbattuto,[15] e che l’unico attacco senza successo era stato realizzato al mattino dagli aerosiluranti della 6./KG.26, appare sempre più convincente che a colpire il Molotov sia stato il Mas 568. Soltanto dimostrando con documenti inequivocabili della Luftwaffe, se esistono ancora, si potrebbe prendere in considerazione che anche gli aerosiluranti tedeschi, se realmente attaccarono di notte e all’ora esatta dell’attacco del Mas 568, potevano aver contribuito a colpire quell’obiettivo. Il Molotov infine, lo ripetiamo, fu attaccato dall’aereo sul fianco sinistro, riuscendo ad evitare un siluro, mentre invece fu colpito sul fianco destro[16], ossia dalla direzione opposta in cui si sviluppò l’attacco del Mas 568.
Al comandante Legnani, che il 10 giugno 1943 ricevette a Roma la Medaglia d’Oro al Valor Militare dal Re Vittorio Emanuele III, è stato sempre accreditato da parte italiana, e anche dalla Marina tedesca il siluramento di un incrociatore. Anche il Fliegerführer Süd (Ucraina), dopo due o tre giorni d’indagini, arrivò alla conclusione che il Krasny Krim era stato affondato da un Mas italiano, come aveva indicato il comandante del Mas 573, e di cui anche la Luftwaffe dopo tre giorni d’indagini apparve convinta.[17] Ma in seguito all’avvistamento dei ricognitori, che il 9 agosto avvistarono il vero Krasny Krim e il suo gemello Schaumjan indenni nel porto di Novorossisk, e che furono poi avvistati in altre località diverse, i tedeschi dissero agli italiani che, probabilmente, la nave affondata dai Mas doveva essere un cacciatorpediniere tipo “Frunse” o “Schaumjan”, che però non avevano partecipato al bombardamento di Feodosia.[18]
In conclusione., come abbiamo detto, ed è molto importante e fondamentale, il Molotov fu attaccato dall’aereo tedesco dell’ex Squadriglia 4./KG.26 (poi 7./KG.26) sul fianco sinistro, e dopo aver evitato un siluro da quel lato manovrando di prora, fu colpito da un altro siluro a poppa sul fianco destro,[19] ossia dalla direzione in cui nel frattempo si era verificato l’attacco del Mas 568.
Se si accetta la versione dei vari scrittori russi, e non solo,vorremmo proprio sapere come può aver fatto il pilota del velivolo tedesco che attaccava da sinistra ad andare a colpire l’incrociatore a poppa del fianco opposto.
Le conseguenze l’attacco aereo-navale furono gravi per il Molotov, poiché l'esplosione del siluro che lo colpì asportò 20 metri di poppa fino alla paratia 262, immobilizzò il timone, ponendo l’incrociatore senza controllo, sbandato a sinistra e sormontato, con fortissimo rumore di sibili, da una nuvola di vapore alzandosi dalla sala macchine. Dettaglio che si riscontra perfettamente nelle osservazioni del comandante Legnani, riportate nella sua relazione.
In definitiva, poiché in mancanza di notizie tedesche l’ora e la direzione dell’attacco darebbero ragione all’unità italiana, se non viene dimostrato il contrario con documentazione inequivocabile, noi restiamo assolutamente convinti che il Molotov fu silurato e danneggiato dal Mas 568.[20]

Francesco Mattesini

Roma, 12 Marzo 2018

[1] Gli altri tre membri dell’equipaggio dell’He.111 deceduti erano i sottufficiali Walter Zumpe, Hemr Aschermann e Karl-Bernd Vollen.

[2]Молотов (крейсер) (Wikipedia Russia).

[3] AUSMM, Relazione sull’attività della 4a Flottiglia M.A.S. nei mesi di Luglio, Agosto e Settembre, Prot. n. 01746 del 1° Ottobre 1942.

1 Вопросы Морозову М.Э.

[5] Kriegstagebuch der Seekriegsleitung/Operationsabtailung 1939-1945, parte A, Mittler & Sohn, Heford-Bonn, 1988 ss., vol. 36: August 1942, 03.08.1942, pp. 48-50.

[6] Молотов (крейсер) (Wikipedia Russia).

[7] Rudi Schmidt, Achtung-Torpedos los.

[8] Harold Thiele, Luftwaffe Aerial Torpedo Aircraft and Operations in World War Two.

[9] Ibidem.

[10] Mare Nostrum Rapallo, 2002: Intervista all’Ammiraglio “rapallese” Emilio Legnani. Una Notte di Guerra nel Mar Nero (Internet).

[11] Ibidem.

[12] Ibidem.

[13] Durante la notte tra il 2 e il 3 agosto ventotto aerei sovietici (5 DB-3? 7 SB e 16 MBR-2) bombardarono il porto di Feodosia, ma ciò non può essere messo in connessione con una scorta al Molotov e al Kharkov.

[14] Luftwaffe and Allied Air Forces Discussion Forum. Luftwaffe and Axis Air Forces Did KG 26 hit the cruiser Molotov in 1942? (Internet).

[15] Tra le 06.05 e le 10.25 del 3 agosto 1942 un idrovolante soccorso Do.24 fu inviato da Feodosia alla ricerca di un He.111 del II./KG.26 non rientrato alla base nel quadrato 6524.

[16] Молотов (крейсер) (Wikipedia Russia).

[17] KTB SKL per il Mar Nero, del 3 agosto 1942.

[18] AUSMM, Relazione sull’attività della 4a Flottiglia M.A.S. nei mesi di Luglio, Agosto e Settembre, Prot. n. 01746 del 1° Ottobre 1942.

[19] Молотов (крейсер) (Wikipedia Russia).

[20] Secondo Heinz Bonatz, in Seekrieg im Aether ( Mittler & Sohn GmbH, Herford, 1981) i servizi d’informazione della Kreiegslarine decodificarono due messaggi radio sovietici indicanti che il siluramento di un incrociatore sovietico il 3 agosto 1942 era attribuito all’attacco di un Mas italiano. I dattilografici delle decrittazioni si trovano nell’Archivio tedesco di Aschaffenburg.
Reply With Quote
  #65  
Old 19th March 2018, 19:18
Mattesini Mattesini is offline
Junior Member
 
Join Date: Nov 2006
Posts: 9
Mattesini is on a distinguished road
Re: Did KG 26 hit the cruiser Molotov in 1942?

If you would like to deepen the activity of 6./KG.26:

https://independent.academia.edu/FrancescoMattesini
Reply With Quote
Reply

Thread Tools
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump

Similar Threads
Thread Thread Starter Forum Replies Last Post
RAF and RAAF ORBs available on the Web (new version) Laurent Rizzotti Allied and Soviet Air Forces 63 30th September 2018 23:55
Luftwaffe and Kriegsmarine Flak queries 1940-1944 Theo Boiten Luftwaffe and Axis Air Forces 0 16th November 2016 19:27
Luftwaffe Flak Reichsverteidigung queries 1942 Theo Boiten Allied and Soviet Air Forces 5 5th July 2016 12:45
Kg51 "edelweiss" the complete history of kg 51 in world war ii". Mike H Luftwaffe and Axis Air Forces 14 8th February 2015 13:24
Staffelkapitäne 7. 8. et 9. /KG 26 martin75 Luftwaffe and Axis Air Forces 2 6th July 2010 09:42


All times are GMT +2. The time now is 07:47.


Powered by vBulletin® Version 3.7.2
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright ©2004 - 2018, 12oclockhigh.net